drill

Un po’ di storia… Per apprezzare come siamo ora..

La storia delle macchine utensili: Brevi Cenni Storici

Buongiorno,

Cominciamo con una definizione di Macchina Utensile: Una macchina utensile è uno strumento in grado di mantenere ed esercitare il movimento di tagliare, rifinire, deformare un materiale.

Questa macchina può essere utilizzata come mezzo/strumento di produzione.

Sulla base di questa definizione, siamo in grado di risalire alla storia della macchina utensile a partire dal Neolitico e dal primo tornio da vasaio.

Il tornio per legno arriva un po piú tardi e permette di creare forme sferiche e circolari.

I primi torni  sono attivati manualmente, poi con un arco  e, successivamente, attraverso  l’energia idraulica.

Queste tecniche si evolvono ben poco fino al Rinascimento. Tuttavia, Va osservato che nel 18 ° secolo l’uso del tornio per legno era visto come un’arte e curiositá i sovrani d’Europa venivano educati alla lavorazione col tornio.

Bisognerá ancora attendere il 1760 perché la vera storia delle macchine utensili abbia inizio con l’invenzione da parte  di Verbruggen di una alesatrice destinata per gli interni dei cannoni e la venuta del primo tornio metallico di Vaucanson.

In seguito all’invenzione della macchina a vapore di Watt avvenuta nel 1775 i macchinari sono stati dotati di una nuova forza motrice . E ‘in questo periodo che appaiono le prime macchine tradizionali quali le conosciamo oggi come fresatrici, limatrici, giuntatrici ecc …

Ed e ‘anche alla fine di questo secolo che che i primi tornitori dell’Industria dell´orologeria si insediano in Alta Savoia, nella Val d’ Arve.

Il 19 ° secolo sarà quello dell’ industrializzazione, i primi produttori principali di macchine utensili sono nati in questo periodo, tra i quali Graffenstaden nel 1848, SOMUA nel 1859 e  Ernault nel 1863 che trovò la sua fortuna nei fucili Chassepot. Oltre l’Atlantico vede la luce Cincinnati. Nel corso di questo secolo si comincia ad ottimizzare l’alimentazione energetica dei macchinari.

Il 20 ° secolo è stato il periodo dell’ energia elettrica e della filiera produttiva che ha bisogno di più macchine utensili, in particolare per rispondere alle esigenze  belliche .

Il  maggiore produttore di macchine utensili MAZAK é stato fondato nel 1919 in Giappone.

Nel 1927 sono sorti e cominciato a diffondersi i macchinari in carbonio e in tungsteno che aumentano l’affidabilitá e la durata delle macchine.

Poi é seguita la rivoluzione del controllo numerico digitale: il sistema creato nel 1942 si diffonde negli anni ’70. Questo è l’inizio della fine per il macchinista “tornitore-fresatore”, che viene gradualmente sostituito dal programmatore tecnico.

E ‘anche in questo periodo che  sorgono i centri di lavoro in grado di eseguire automaticamente  tutte le operazioni di lavoro dei metalli.

L’evoluzione dell’ automazione e pallettizzazione ora consentono una produzione continua.

Al giorno d’oggi, i maggiori produttori di macchine utensili sono rispettivamente il Giappone, la Germania e l’Italia e tra i più grandi consumatori vi é la Cina seguita a distanza da Germania e Stati Uniti.